Riparte anche quest’anno il Pamali Festival, organizzato dall’ “Associazione culturale Pamali Project” e giunto ormai alla 9^ edizione. Dal 10 al 15 agosto il Passo San Boldo (al confine tra le province di Belluno e Treviso) si riempirà di vita e offrirà ai partecipanti numerosi eventi all’insegna del divertimento, della musica e dell’arte.

Il Pamali Festival (il nome sta per Pace, Amore e Libertà) si articola su 6 giornate dedicate a musica live, performance artistiche, DJ set, laboratori per grandi e bambini, incontri, spettacoli di fuoco e flow art. E’ stato annunciato, infatti, che per il secondo anno consecutivo il festival ospiterà le performance di fire-dancer di calibro internazionale. Si tratta di un’ occasione imperdibile per gli amanti della Flow-Art, che avranno la possibilità di conoscere esperti della disciplina, quali Giulian Giuliana, Pyrotecnico e Karina Nino Rodriguez. Sarà inoltre possibile usufruire di un Fire place ben organizzato, dove allenarsi e condividere musica, danza e workshop.

Un altro aspetto del festival riguarda il ritorno di “Pamarte – 706 Arte in Quota“. Anche quest’anno verranno esposte opere e installazioni di artisti scelti tra i più significativi del panorama nazionale e internazionale. Tra i presenti, da segnalare l’inglese Flee Jones, fabbro e creativa, parte del team di artisti che hanno creato le sculture per la cerimonia di chiusura dei Giochi paralimpici di Londra. Saranno esposte anche le opere di Nikki Rifiutile, incredibile artista capace di dar vita a qualsiasi materiale di recupero, trasformandolo in qualcosa di nuovo.

Per quanto riguarda la musica, sul palco del festival si esibirà il collettivo anglo-asiatico degli Asian Dub Foundation, con l’inconfondibile sound fatto da una combinazione di ritmi jungle, linee di basso indu-dub, energia e chitarre punk rock. Sarà presente anche Luca Bassanese, con una miscela di musica popolare dal ritmo sfrenato e influenze electro-balkan. Da Londra arriva la stravaganza dei Tankus the Henge che condurranno uno show incredibile che saprà trasportare tutto e tutti in un’estasi di pura felicità. E, ancora, The Admirals, Savana Funk, Shanti Powa, IPERcusSONICI, EBM Earth Beat Movement. Ma il festival lascia spazio anche a cantanti emergenti (Rio Terà, Ab Origine…) che si esibiranno nel village stage.

Il Pamali Festival è attento anche allo sviluppo sostenibile e consapevole e non rinuncia a perseguire tale obiettivo neppure in ambito culinario. La volontà di promuovere il consumo consapevole di prodotti locali e di sana qualità ha fatto nascere Bio Pizza, il progetto che vedrà la preparazione e la vendita di pizze create interamente con ingredienti a kilometro 0. Lo stesso forno a legna verrà costruito dagli organizzatori il giorno prima dell’inizio del festival con terra cruda, materiale refrattario e paglia.

PREFESTIVAL
Il Pamali Project organizza un prefestival “on the beach” per sabato 30 giugno e domenica 1 luglio alla Vela dell’Orso, nel Lungomare Venezia di Caorle (Spiaggia di Ponente). Il prefestival è a ingresso libero e si aprirà alle ore 17:00 di sabato con aperitivo in un locale che si trova direttamente sulla spiaggia. La splendida location darà la possibilità di ammirare il tramonto, mentre la serata sarà accompagnata da Dj set e live music. Le attività della domenica prevedono un free tour delle Terre Basse in mattinata, il pomeriggio in spiaggia e serata all’insegna della musica.